jump to navigation

Grande successo del “Presepe Vivente” di Ispica 3 Gen 2008

Posted by Mariagiovanna Gradanti in Ambiente & Territorio, Costume & Società.
trackback

Anche quest’anno si rinnova, ad Ispica, la tradizione del Presepe Vivente, grande attrattiva del Natale ispicese che, fin dalla sua nascita, ha ospitato ed incantato diverse migliaia di persone.
Rispetto alle passate edizioni, però, questa fedele ma al contempo originale riproduzione delle scene della natività ha veramente qualcosa di particolare, a cominciare dalla magica location: per la prima volta, infatti, l’“Associazione Fazzoletti Rossi” di S. Maria Maggiore, che da sempre ne cura con entusiasmo e passione l’allestimento, e l’Amministrazione comunale hanno deciso di ricreare il presepe lungo i tornanti della Barriera, la strada che, attraversando la parte finale di Cava Ispica, si immette sulla rotatoria di accesso alla città.

L’altra importante novità del Natale 2007 consiste nell’aver fatto rivivere un vero frantoio dell’800, messo nuovamente in attività per l’occasione, e le grotte, un tempo usate dagli antichi abitanti di Spaccaforno: queste ultime, durante tutta la durata della manifestazione, ospitano la rappresentazione degli antichi mestieri artigianali. È possibile, infatti, incontrare lungo il percorso guidato contadini, pastori, maniscalchi, ricamatrici, sellai, falegnami, carpentieri, massaie e tanti altri “personaggi” della tradizione siciliana, oltre ad una compagnia teatrale che intrattiene gli ospiti recitando dal vivo racconti natalizi.

Le novità hanno incontrato il favore del pubblico, che ha partecipato numerosissimo alle prime due serate di apertura, il 25 ed il 26 Dicembre: in soli due giorni sono state sfiorate le 8000 presenze, il totale dello scorso anno; un risultato da record se si considera che, generalmente, si ha l’apice dell’afflusso di visitatori durante l’ultima serata, il 6 Gennaio, quando è possibile assistere all’arrivo dei Re Magi.

Ma il presepe vivente, oltre che delizia degli occhi, è anche il pretesto ideale  per la solidarietà: alla fine del percorso sono stati allestiti dalla parrocchia di S. Giuseppe e da altre associazioni benefiche dei “gazebo solidali”, dove è possibile acquistare prodotti di artigianato e gastronomia tipica il cui ricavato andrà in beneficenza per le popolazioni dell’Africa.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: