jump to navigation

“Sostituire” Prodi o “cambiare” la politica? 12 Feb 2008

Posted by Pietro Avveduto in Nazionale, Politica.
3 comments

Un qualsiasi gruppo, sia esso politico o economico, che è alla guida di una comunità, tende a conservare questo suo ruolo di leadership attraverso azioni legittime e, purtroppo, alle volte anche illegittime ed illegali. Fatto sta, comunque, che il conservare la gestione ed il potere è sempre causa ispiratrice di tutte le azioni.

Quando, poi, questo gruppo è composto da parti più o meno eterogenee, il “modus agendi” del tutto risente obbligatoriamente della necessità che la parte ha di conservare o rafforzare il proprio ruolo interno al gruppo stesso ed il proprio livello di accettazione da parte dei referenti esterni, che poi sono quelli che legittimano la parte.

Trasportando questo discorso nella politica, possiamo dire che l’agire di una maggioranza di governo è ispirata sempre alla ricerca del conservare il proprio ruolo di guida di una comunità e che le diverse componenti di una coalizione influenzano l’agire del gruppo in funzione della necessità di mantenere ruolo e forza all’interno della coalizione e di non perdere consensi deludendo il proprio elettorato. (altro…)

Annunci

L’Italia in piazza 22 Dic 2006

Posted by giuseppepisana in Nazionale, Politica.
add a comment

La manifestazione del 2 Dicembre è stata indubbiamente un successo.
Due milioni di persone sono arrivate da tutta Italia, a Roma per dire no a questo governo ed a questa maggioranza. Silvio Berlusconi nel suo intervento ha infiammato la platea e, dopo il malore di Montecatini, ha confermato di essere il leader della Casa della Libertà.
Il suo discorso, pieno di emotività e di passione politica, ha reso la delusione della maggioranza silenziosa più accettabile perché oggi tutti sanno che lui è ancora in sella.
Ha parlato al popolo e il popolo gli ha risposto: una marea di operai, impiegati, (altro…)

Tutti pazzi per la finanziaria 20 Dic 2006

Posted by Mariagiovanna Gradanti in Nazionale, Politica.
add a comment

Se Prodi fosse stato a Roma il 2 Dicembre, sarebbe sicuramente salito sul palco. Avrebbe preso possesso del microfono e, dinanzi una folla attonita, avrebbe esclamato con l’immancabile inflessione romagnola: “Ma siete tutti pazzi?”.
Sì, erano tutti pazzi, pazzi da manicomio quei due milioni di persone che affollavano piazza San Giovanni; e pazzi sono tutti gli italiani di cui quei due milioni erano solo una sparuta rappresentanza. Erano tutti pazzi i contestatori del Motor Show di Bologna. E anche quelli che fischiavano il premier all’uscita dell’assemblea generale della CNA.
Siamo tutti pazzi, pazzi a pensar male della finanziaria 2007. (altro…)